ROMA – Con 201 voti favorevoli e 16 contrari,la Camera dei Deputati ha dato il via libera pomeriggio al decreto legge sul terremoto. Il provvedimento, che ora passa al Senato per la definitiva conversione in legge, va a modificare e integrare una serie di misure (già previste nei due precedenti Dl) a favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici verificatisi nel 2016 e nel 2017 in Abruzzo, Umbria, Lazio e Marche.

Nella prima lettura alla Camera, in particolare nel corso dell’esame in Commissione, il testo del decreto è stato in più parti modificato, ed ora andrà all’esame del Senato dove l’Aula dovrebbe discuterlo dal 4 al 6 aprile. Nel decreto terremoto, che è stato approvato dalla Camera, ci sono anche i 47 milioni di euro risparmiati dal bilancio del 2016 da Montecitorio.

A quanto riportato da una nota dell’Ansa, l’importo risparmiato è stato versato nel bilancio dello Stato indicando però la destinazione e cioè il fondo per la ricostruzione delle aree colpite dal sisma.

(Letto 292 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 292 volte, 1 oggi)