ASCOLI PICENO – “Ci si dimentica che qui ci sono stati in pochi mesi ben 9 terremoti superiori al quinto grado Richter: trovo sterile e avvilente che in questo Paese poi si vada a cercare di chi sono le colpe. Le scelte sono state fatte in un determinato contesto, ma le scosse del 26 e 30 ottobre, del 18 gennaio hanno scardinato il quadro”.

Sono queste le parole, riportate dall’Ansa, del capo della Polizia Franco Gabrielli, che ad Ascoli Piceno ha ricevuto la cittadinanza onoraria conferita alla Polizia di Stato per l’opera svolta durante il sisma.

“Fino a quando argomenti della protezione civile e della sicurezza apparterranno al novero di bassa bottega, o per vincere le elezioni, non andremo lontano – ha aggiunto Gabrielli – Su questi temi si devono raccogliere comunità e istituzioni. Il conferimento della cittadinanza lo intendo in questo senso, e per me è un onore essere qui”.

Un attestato di civica benemerenza è stato consegnato ai familiari del sovrintendente Santo Megna, della Questura di Vicenza, morto mentre era in servizio ad Ascoli.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 510 volte, 1 oggi)