OFFIDA – In merito alle dichiarazioni del consigliere di opposizione nell’Unione dei Comuni della Vallata del Tronto Luca Pulcini (clicca qui) pubblichiamo di seguito una replica.

Al momento della discussione, il consigliere di Castorano, Luca Pulcini, ha chiesto di intervenire ma lo ha fatto per polemizzare sull’orario dell’assise e per rimarcare la sua richiesta, a detta di lui disattesa, di un consiglio straordinario per i fatti del Bove Finto. Poi si è alzato e se n’è andato, chiedendo a tutti gli altri consiglieri di fare la stessa cosa. Il suo invito, però, non è stato preso in considerazione da nessuno.

Anzi, non si è fatta attendere troppo la risposta, a tale atteggiamento, del Sindaco Daniel Claudio Ficcadenti: “Sono amareggiato. Quando un consigliere ha assunto il ruolo e questo ruolo è stato dato dai cittadini, abbandonare un’aula in questa maniera supponente è un atteggiamento fascista. Dobbiamo capire che rappresentiamo delle istituzioni, tutti noi. Sono davvero stanco dell’arroganza di chi vince perché urla di più: questo modo di fare, oltre ad allontanare i cittadini dalla politica, è una violenza nei confronti della democrazia”.

Lucciarini ha invece spiegato che la richiesta di Pulcini e degli altri consiglieri di minoranza non è stata accolta favorevolmente perché, come specificato in una pec a loro inviata, poiché attinente ad un argomento manifestamente estraneo alle competenze del Consiglio (competenze indicate dall’articolo 42 del Tuel 26/2000 e dall’articolo 14 dello Statuto dell’Ente).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 672 volte, 2 oggi)