FIRENZE – Dipinti, sculture, manufatti d’oreficeria, il manoscritto dell’Infinito del Leopardi e persino campane, in prestito agli Uffizi dalle zone delle Marche devastate dal terremoto: è ‘Facciamo presto. Tesori salvati, tesori da salvare’, esposizione da oggi al via agli Uffizi di Firenze nella sala magliabechiana fino al 30 luglio.

Tra le opere la pala raffigurante l’Annunciazione e il Cristo in pietà del Museo di Camerino, realizzata da Giovanni Angelo d’Antonio da Bolognola, ma anche lavori di Cola dell’Amatrice, Simone de Magistris e di Tiepolo, con la Visione di San Filippo Neri, dalla chiesa dei Filippini a Camerino.

A quanto riportato da una nota dell’Ansa, di ogni biglietto che verrà acquistato per entrare agli Uffizi nel periodo della mostra verrà destinato 1 euro al risanamento dei danni inferti dal terremoto al patrimonio marchigiano.

Alla presentazione dell’esposizione, il 28 marzo, ha preso parte anche il direttore della galleria degli Uffizi Eike Schmidt.

(Letto 66 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 66 volte, 1 oggi)