MILANO – E’ “amareggiato e dispiaciuto”, come tutti i suoi uomini, il comandante della Polizia locale di Milano, Antonio Barbato, per la vicenda dei due agenti che si sono ripresi mentre scherzavano con una bara ad Amatrice, dove erano stati mandati per assistere le persone rimaste colpite dal terremoto.

“Il sentimento tra di noi – spiega Barbato – è quello dello sconforto, dopo tutto il lavoro che abbiamo fatto in quelle zone e che stiamo ancora facendo”.

“Abbiamo svolto un lavoro enorme per la visita del Papa – racconta -, garantendo la sicurezza in città, con le altre forze dell’ordine, e ora, per un gesto inqualificabile, vediamo offesa la nostra divisa”. Per i due agenti è scattata la sospensione per dieci giorni, dopo la quale saranno trasferiti ad altro incarico.

Il 28 marzo sulla vicenda era intervenuto anche il sindaco Giuseppe Sala: “Non sono questi i ghisa che noi conosciamo, per questo ritengo che vederli indossare la divisa del nostro corpo di Polizia locale sia un’offesa per tutti noi milanesi”.

(Letto 186 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 186 volte, 1 oggi)