ASCOLI PICENO – Sta per arrivare la 13esima edizione del Fritto Misto sempre nel centro storico di Ascoli Piceno. dal 22 aprile al 1 maggio.

La manifestazione è organizzata anche quest’anno da Tuber Communications e dall’agenzia Sedicieventi, con il patrocinio della Regione Marche, della Provincia e del Comune di Ascoli Piceno, della Camera di Commercio di Ascoli Piceno, Piceno Open Vinea Qualità Picena, Consorzio Tutela Vini Piceni, Psr – Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 Unione Europea/Regione Marche,Ministero delle Politiche Agricole e Forestali.

Nella conferenza tenutasi il 14 aprile il sindaco Guido  Castelli, ha sottolineato l’importanza di tali eventi per il territorio: “Il Fritto Misto cartina al tornasole per sapere come ha reagito il territorio. Valore morale dopo il sisma”.

Stefano Greco, parla delle novità relative agli stand: “Novità tra cui un nuovo stand e attribuzione del marchio dell’olio. Con il Bim e Plastec faremo anche una casa dell’acqua ci sarà acqua liscia e gassata del Pescara”.

Anna Casini, consigliere Regione Marche: “Abbiamo ottenuto un riconoscimento per il nostro olio che adesso è Igp, importantissimo per l’esportazione, eccellente anche a livello organolettico. Fritto misto vuole anche dare speranza ai nostri produttori. Vivere una nuova stagione per ripartire dopo il terremoto.mostreremo tutte le nostre qualità che sono rimaste invariate ci sarà uno stand della regione Marche. Ci sono grandi prospettive per i nostri produttori e anche il Vinitaly ha dato grandi indicazioni in questo senso”.

Armando Falcioni, Direttore Consorzio Vini Piceni: “Buon successo al Vinitaly e la realtà marchigiana ha avuto un buon successso, con il pecorino e la passerina, che anche se non sono nostra esclusiva ma nascono qui. Il nostro connubio con fritto misto procede”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 151 volte, 1 oggi)