ASCOLI PICENO – In calo l’export dei distretti delle Marche: il quarto trimestre 2016 si è chiuso con -6,5%, mentre l’intero 2016 chiude a -2,8% rispetto all’anno precedente; un dato negativo e inferiore al totale dei distretti tradizionali italiani (+0,3%), segno che i distretti marchigiani hanno risentito del terremoto che ha colpito le province di Ascoli Piceno, Macerata e Fermo. 

A quanto riportato da una nota dell’Ansa, sono i principali risultati che emergono dal Monitor dei Distretti delle Marche curato dalla Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo.

“A rallentare l’export regionale – commenta Tito Nocentini, direttore regionale di Intesa Sanpaolo – è stata una frenata nei mercati emergenti (-7,6%), in particolare verso Cina, Hong Kong, Romania, Emirati Arabi Uniti e Turchia. Si conferma il momento difficile dell’export in Russia che rimane il mercato dove si registrano le maggiori perdite. Si evidenzia, invece, una lieve crescita dell’export verso i mercati maturi (+0,9%), grazie al buon andamento in Germania, Francia, Regno Unito e Svizzera”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 54 volte, 1 oggi)