ROMA – Il 21 aprile scorso sono scaduti i termini di presentazione delle domande di adesione alla rottamazione delle cartelle esattoriali.

In questa settimana è prevista la presentazione di emendamenti alla finanziaria, Confedercontribuenti sollecita la riapertura dei termini e le modalità di rottamazione delle cartelle esattoriali

Molti contribuenti non hanno potuto aderire sia per una vacatio normativa sulla compensazione di crediti che per impossibilità ad onorare il debito solo in cinque rate. Da sempre l’organizzazione nazionale guidata da Carmelo Finocchiaro,  che si occupa di difendere i contribuenti italiani ha sollecitato in vari modi di adottare metodologie differenti  per il recupero delle tasse o imposte senza ricorrere ad usura di Stato.

“Dopo anni siamo arrivati a concedere la rottamazione delle cartelle senza interessi e mora ma sottolineiamo a tutte le forze politiche sensibili alla crescita del nostro Paese che è necessario adottare misure differenti e personalizzate al contribuente. In questo modo lo Stato potrà incassare dal contribuente senza che esso venga strozzato dalle rate impossibili” replica Carmelo Finocchiaro presidente nazionale di Confedercontribuenti.

(Letto 64 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 64 volte, 1 oggi)