FOLIGNANO – È entrato in funzione l’ultimo progetto promosso dall’assessorato all’Ambiente del Comune di Folignano. Da oggi tutte le aziende agricole del territorio e tutti i cittadini che possiedono un orto possono prelevare gratuitamente il compost presso l’area adiacente la struttura di Case di Coccia, all’ingresso della stradina d’accesso agli Orti Urbani comunali.

«È ovviamente compost certificato – precisa l’assessore all’Ambiente Matteo Terrani consentito in agricoltura biologica, risultato di rifiuti biodegradabili come l’organico della raccolta differenziata, scarti di potatura e sfalci d’erba di Folignano. Non contiene letame, pollina ed effluenti di allevamento. Folignano – aggiunge l’assessore –   è il primo comune della provincia a sperimentare un simile progetto, si tratta di un piccolo grande passo verso l’economia circolare che garantisce migliore produttività e qualità organolettica dei terreni coltivati e minore necessità di ammendarli con sostanze artificiali. A breve con l’ausilio di un agronomo organizzeremo un corso gratuito per tutti gli interessati che vogliono approfondirne la composizione e l’utilizzo».

Si tratta della fase finale o meglio iniziale di un progetto che introduce un sistema di economia circolare nella valorizzazione del compost scaturito dagli scarti organici del territorio: l’umido prodotto dai cittadini folignanesi è trasformato in compost e viene ora restituito da Picenambiente alla collettività.

«In questo modo avremo una migliore produttività e qualità organolettica dei terreni coltivati riducendo la necessità di ammendarli con sostanze artificiali» conclude Terrani.  

Grazie a questo progetto  che si può definire “dalla terra alla terra, il Comune di Folignano compie un ulteriore grande passo avanti verso un futuro sempre più green. Un’iniziativa che va ad aggiungersi agli straordinari risultati ottenuti nella raccolta differenziata che si attesta sopra l’80% e alla drastica riduzione del quantitativo di rifiuti pro capite prodotti grazie ad altrettante iniziative lodevoli, quali le casette dell’acqua e i pannolini lavabili.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 246 volte, 1 oggi)