FERMO – E’ possibile a scuola, con un gioco di squadra, vincere la partita contro bullismo e cyber bullismo?

Il tema è stato al centro di una giornata formativa a conclusione del progetto ‘Il patentino della doppia legalità’, organizzato dalla Lega delle Autonomie Locali delle Marche in collaborazione con l’Itt Montani di Fermo.

Il ‘patentino’ si basa sulla costituzione di una task-force composta da studenti, insegnanti, genitori. Alla giornata formativa hanno partecipato Cesarino Caioni, esperto di educazione alla legalità,la psicologa Cristina Marinelli e il maestro di karate Gianluca Tosoni.

I docenti hanno cercato di coinvolgere gli studenti nell’apprendimento di situazioni teorico-pratiche relative al bullismo e cyber bullismo, mettendole in correlazione con le risorse del corpo umano e l’applicazione dei principi fondamentali della difesa personale.

Presentata anche la nuova figura del ‘playmaker’ che, insieme all’insegnante e alla vittima, punta a mettere fuori gioco il bullo con il coinvolgimento della classe.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 31 volte, 1 oggi)