ANCONA – Il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli il 9 giugno ha incontrato, nel municipio di Comunanza, i sindaci dei Sibillini. Tanti i temi affrontati proprio per realizzare insieme una strategia di rilancio dell’intera area.

Presenti i sindaci di Montefortino, Smerillo, Comunanza, Amandola, Montedinove, Santa Vittoria, Force, Montemonaco, Montefalcone, Montelparo. Presenti i dirigenti dell’area vasta Licio Livini e Giulietta Capocasa.

“Un’occasione importante per lavorare insieme sulle opportunità che abbiamo di fronte e su come coglierle – spiega il presidente Ceriscioli – Tanti i temi all’ordine del giorno: sanità, economia, agricoltura, scuole, sviluppo lavoro, infrastrutture, turismo, terremoto. La priorità è invertire la tendenza dello spopolamento di queste aree iniziato da tempo, tenendo presente che parliamo di un territorio che viene da difficoltà pre-terremoto e che sono peggiorate con il sisma. Occorre lavorare insieme per una strategia complessiva e mirata a raggiungere determinati obiettivi. Le risorse le possiamo trovare, anche legate alla ricostruzione e al rilancio, ma sta a noi, come attori istituzionali, essere protagonisti con una strategia condivisa per lavorare per raggiungere il risultato. Lavoriamo insieme con pragmatismo. La Regione è al vostro fianco. Rendiamo il percorso operativo con obbiettivi concreti: agricoltura, infrastrutture, sanità, scuole”.

In merito alla realizzazione della nuova struttura ospedaliera di Amandola il presidente ha spiegato che “i servizi della Regione stanno lavorando per la costruzione del nuovo ospedale, una struttura sicura e moderna che possa soddisfare il bisogno di salute dei cittadini di questa zona. Nella struttura vecchia si sta predisponendo una serie di interventi immediati per riposizionare le attività che attualmente sono sistemate nei container”.

“La priorità – aggiunge Licio Livini – resta quella di riportare la dialisi il prima possibile attiva nella vecchia struttura. Edificio che ospiterà anche la medicina e la Rsa. Per questi l’attivazione sarà più avanti perchè ci sono diversi interventi di ripristino più complessi da realizzare”.

Via libera del presidente anche alla proposta arrivata dai sindaci di costituire un distretto sanitario territoriale unico che coincida con ambito

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 86 volte, 1 oggi)