ASCOLI PICENO – I Vigili del fuoco hanno ultimato i lavori per consentire la riapertura della strada che conduce a Faete e Spelonga, nel comune di Arquata del Tronto. L’arteria era stata chiusa al traffico a seguito degli eventi sismici che avevano lesionato edifici che si affacciano lungo il percorso e che costituivano un grave pericolo per il transito.

Un lavoro portato avanti su più fronti da diverse squadre che hanno lavorato contemporaneamente. Su alcuni immobili si è proceduto con lavori di smontaggio controllato da parte dei Gruppi Operativi Speciali, mentre su altri si è provveduto con opere provvisionali di messa in sicurezza.

Sono stati compiuti puntellamenti, cerchiaggi e sbadacchiature, opere di contenimento, demolizioni ed in alcune circostanze è stato necessario utilizzare tecniche di derivazione Speleo-Alpino-Fluviale che hanno permesso ai Vigili del fuoco di operare in sospensione.

La strada, dunque, dopo 10 mesi dal terremoto, può tornare ad essere fruibile e questa può esser considerata opera di fondamentale importanza considerato che si trova in un territorio a cavallo tra due parchi nazionali, quello dei Sibillini e quello del Gran Sasso-Monti della Laga, solitamente metà di molti turisti per i suoi splendidi paesaggi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 128 volte, 2 oggi)