MACERATA – Protestano il sindaco di Camerino Gianluca Pasqui e quello di Pieve Torina Alessandro Gentilucci, che è presidente dell’Unione Montana, per la scelta della Regione Marche di spostare l’Ufficio ricostruzione della provincia di Macerata a Caccamo di Serrapetrona, in locali affittati da un privato ‘‘al costo di 54 mila euro l’anno per sei anni”, dicono.

Attualmente l’Ufficio si trova a Piediripa di Macerata. ”Il Comune di Camerino e l’Unione Montana – ricordano Pasqui e Gentilucci – si erano dichiarati disponibili a fornire locali a Camerino, nella sede dell’Unione Montana. Locali da ristrutturare, ma che non sarebbero costati un euro di affitto”.

”Si sarebbe messa a posto una struttura pubblica, si poteva avere la sede dell’Ufficio Ricostruzione e si sarebbe restituito un patrimonio ai cittadini, senza buttare denaro”, osservano. Oltretutto, ”Camerino è il centro delle zone più disastrate dal terremoto e portare qui l’Ufficio Ricostruzione avrebbe avuto una valenza diversa”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 498 volte, 1 oggi)