ASCOLI PICENO – Venerdì 21 luglio, dalla bellissima Piazza del Popolo di Ascoli Piceno, partirà la Carovana del Cuore, grande campagna di sensibilizzazione della Fondazione Paoletti che fino a settembre con il suo camper di volontari percorrerà i litorali italiani per promuovere la ricerca neuroscientifica e il diritto all’educazione, soprattutto nell’infanzia.

La scelta di partire dal cuore delle Marche ha un grande valore simbolico per questa tredicesima edizione della Carovana, perché rappresenta il coronamento di un progetto realizzato in questi mesi dal team di psicologi e formatori della Fondazione Paoletti proprio sul territorio marchigiano, a favore delle popolazioni che hanno vissuto l’esperienza del sisma.

Si tratta del percorso “Prefigurare il Futuro: metodi e tecniche per potenziare speranza e progettualità”, un ciclo di incontri gratuiti e aperti a tutta la popolazione adulta per fornire alle comunità semplici tecniche e strumenti per conoscere e utilizzare quei meccanismi della mente che hanno il potere di riattivare quelle meravigliose risorse interiori utili ad affrontare il prolungato stato di emergenza emotiva causato dal terremoto. Un’iniziativa realizzata in collaborazione con i Comuni di Ascoli Piceno, Acquasanta Terme, Arquata del Tronto, l’Ordine degli Assistenti Sociali Marche e l’Università di Camerino.

Proprio il 21 luglio, alle 17.30, a Palazzo dei Capitani di Ascoli, si svolgerà l’ultimo dei cinque appuntamenti del percorso, dal titolo “Un me migliore di me” (per partecipare inviare un SMS al numero 339 4831012 indicando nome, cognome ed età o iscriversi sul sito
fondazionepatriziopaoletti.org/prefigurareilfuturo/). A guidarlo saranno Patrizio Paoletti, presidente dell’omonima Fondazione ed esperto di comunicazione relazionale, e Tania Di Giuseppe, psicologa e coordinatrice del progetto.

La partenza della Carovana del Cuore avverrà al termine dell’incontro, intorno alle 19.30. Al taglio del nastro parteciperanno anche il sindaco di Ascoli Piceno Guido Castelli e il sindaco di Arquata del Tronto Aleandro Petrucci.

Il messaggio della Carovana del Cuore è Vivi Appassionatamente, motto inciso anche sui braccialetti arancioni che dal 2005 i volontari distribuiscono a tutti coloro che incontrano lungo il percorso.

Un messaggio di speranza e coraggio che la Fondazione Paoletti quest’anno ha voluto condividere in particolare con le comunità marchigiane: “Far partire la Carovana del Cuore da questi territori – afferma Paoletti – ha un significato particolarmente speciale: vuol dire celebrare l’impegno di una comunità che oggi è chiamata a mettere in campo speranza, progettualità e resilienza, ovvero i valori al centro del percorso formativo che abbiamo appena concluso. Riuscire a trasformare la vulnerabilità in un’opportunità di vita nuova riguarda ogni cittadino, nessuno escluso. Vivere appassionatamente ci richiama ad un reale percorso evolutivo che l’uomo deve affrontare. L’evento vuole essere una celebrazione che testimonia l’impegno di un intera comunità: vivere in modo appassionato per apprezzare il dono della vita, accogliere il passato e utilizzare tutto questo per guardare in modo nuovo al futuro”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 86 volte, 1 oggi)