ARQUATA DEL TRONTO – Ventitre operai impegnati nella costruzione delle aree destinate alle casette per i terremotati nel territorio di Arquata del Tronto, ha dovuto fare ricorso il 15 luglio alle cure del pronto soccorso dell’ospedale “Mazzoni” di Ascoli e al “Madonna del Soccorso” di San Benedetto.

Dopo cena, infatti, hanno accusato malori. In particolare vomito e diarrea, probabilmente a seguito di un’infezione alimentare. Nessuno di loro è comunque in gravi condizioni a quanto riportato da una nota dell’Ansa.

Gli operai sono ospiti nella base di Pescara del Tronto (dotata di mensa).

Sono in corso accertamenti e verifiche da parte del servizio veterinario e del settore medico del servizio di igiene degli alimenti dell’Asur marchigiano.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 811 volte, 1 oggi)