ANCONA – La Regione Marche è pronta a dichiarare lo stato di calamità per l’agricoltura sin da venerdì 28 luglio.

E’ in corso la ricognizione della situazione attraverso i dati degli Ato e del Servizio Agricoltura che dovranno corredare il provvedimento.

Dal punto di vista dei fabbisogni per gli usi idropotabili invece, fino ad oggi, l’unica emergenza è stata segnalata sabato per alcune zone della provincia di Pesaro Urbino nell’ambito del Comitato provinciale della Protezione Civile.

La risposta al problema posto è stata immediata: è stata infatti aumentata la portata del pozzo di emergenza del Burano (Cagli) da 200 litri al secondo a 300 litri al secondo.

“Al momento non sono stati riscontrati particolari problemi per l’approvvigionamento di acqua nelle case – spiega l’assessore alla Protezione Civile Angelo Sciapichetti –. Diverso è invece il discorso per quanto riguarda il settore agricolo. La situazione è sotto il costante monitoraggio della Protezione Civile e del servizio Agricoltura e, se i dati raccolti confermeranno l’emergenza, la giunta venerdì prossimo si riunirà appositamente per dichiarare lo stato di calamità”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 47 volte, 1 oggi)