ASCOLI PICENO – Si sono svolte il 31 luglio a palazzo San Filippo di Ascoli due Conferenze di Servizi particolarmente importanti riguardanti il primo stralcio del piano interventi Provincia – Anas sulla viabilità danneggiata dal sisma.

Hanno infatti ricevuto nulla osta e pareri favorevoli, da parte degli enti partecipanti, lavori dell’importo complessivo di circa 18 milioni e mezzo di euro che incidono positivamente nelle zone del territorio piceno più pesantemente colpite dalle scosse di terremoto: la S.S. 685 “delle Tre Valli Umbre” per il tratto marchigiano in zona Arquata del Tronto e la S.P. 119 Tallacano che attraversa i Comuni di Roccafluvione e Acquasanta Terme.

L’ingegner Fulvio Maria Soccodato, l’alto dirigente Anas è stato nominato come soggetto attuatore dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile per tutti gli interventi di ripristino viari, ha presieduto le due conferenze di servizi a cui hanno partecipato i sindaci dei Comuni di Arquata del Tronto Aleandro Petrucci, di Roccafluvione Francesco Leoni, il Vice Sindaco di Acquasanta Terme Luigi Capriotti, dirigenti e funzionari dell’Anas, del Genio Civile e della Difesa del Suolo della Regione Marche, tecnici del Servizio Viabilità della Provincia e di vari servizi tecnici di enti e società.

Per quanto riguarda la S.S. 685 “delle Tre Valli Umbre” verranno realizzate, sul lato marchigiano, opere di ripristino e messa in sicurezza di tre viadotti, due gallerie e un tratto di versante per un importo che raggiunge i 17 milioni di euro. Si conta di avviare i lavori entro il mese di agosto e di completare in circa 4 mesi tutti gli interventi che consentiranno la riapertura parziale del tratto di strada in zona Arquata del Tronto, funzionale ad accelerare ulteriori attività di ripristino.

L’altro intervento, che ha ricevuto disco verde da parte degli enti interessati, riguarda la S.P. 119 Tallacano dal Km. 1+150 al Km. 7+265 che era stata chiusa a seguito della caduta di massi sulla carreggiata e del pericolo di ulteriori crolli. In questo caso, l’importo dei lavori ammonta a un milione e mezzo di euro. Sono previste opere di ripristino per risolvere nove diverse criticità con la realizzazione di interventi di messa in sicurezza dei versanti mediante la posa in opera di reti paramassi e reti ad alta resistenza previo disgaggio dei blocchi pericolanti.

Verrà anche realizzata una galleria artificiale di protezione. Si prevede di avviare i lavori a settembre con tempi di esecuzione di 4 mesi.

“Esprimo soddisfazione per questi ulteriori e rilevanti interventi che costituiscono una risposta concreta da parte degli enti e delle istituzioni operanti nella riattivazione del sistema viario fortemente danneggiato dagli eventi sismici – evidenzia il Presidente della Provincia Paolo D’Erasmo – sono in programma altre conferenze di servizi e, da parte sua, l’Amministrazione Provinciale è impegnata a seguire ed attuare con grande sollecitudine gli adempimenti di competenza nell’attività di ricostruzione”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 91 volte, 1 oggi)