ASCOLI PICENO – Si svolgeranno il 22 ed il 23 agosto alle 21.30 a piazza Arringo le due “Serate di Nomadelfia”, un messaggio di fraternità all’insegna di danze e figurazioni acrobatiche.

Nomadelfia (che significa, dal greco, “legge di fraternità“) è una realtà comunitaria nota in Italia e all’estero per le sue finalità religiose e umanitarie, con sede nel grossetano: 60 famiglie, 350 persone che vivono mettendo i beni in comune, lavorando in piccole aziende gestite fraternamente, accogliendo in affido come figli alla pari dei propri tanti ragazzi in difficoltà.

Durante l’estate genitori e figli gestendo in modo autonomo ogni aspetto artistico, logistico e tecnico, portano in giro nelle piazze d’Italia e anche all’estero uno spettacolo-proposta denominato “Serate di Nomadelfia”. Più di mille repliche e oltre un milione e mezzo di spettatori, le Serate sono un modo originale e coinvolgente con cui Nomadelfia si fa conoscere attraverso danze popolari di vari paesi e figurazioni acrobatiche eseguite dai suoi giovani, brevissimi video e folgoranti interventi sullo stile della commedia dell’arte, che ne fanno un evento artistico e un messaggio di vita appassionante.

Il gruppo è costituito da 130 persone, che si muovono con i mezzi necessari per il trasporto delle persone e delle attrezzature (5 autoarticolati, 3 pullman, furgoni e alcune automobili). Insomma un appuntamento assolutamente da non perdere, entusiasmante sul piano dello spettacolo, che vede impegnati un centinaio di artisti dai 6 anni in su, e affascinante per i contenuti culturali e sociali da esso veicolati, che lasciano negli spettatori una traccia profonda e duratura.

Per ulteriori informazioniwww.nomadelfia.it

L’ingresso è libero e gratuito per permettere a tutti indistintamente di partecipare.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 165 volte, 1 oggi)