CITTADELLA – Esordio amaro in campionato, per l’Ascoli Picchio, che perde 3-2 contro il Cittadella. Al Tombolato il Picchio, passa in vantaggio con uno splendido gol di Santini, dopo 11 minuti. I bianconeri, poi, si abbassano sensibilmente e soffrono tantissimo sulle fasce, dove i ripetuti cross dei veneti, mandano in crisi la retroguardia ascolana. Da lì arrivano i tre gol, che in venti minuti, dal 22′ al 44′, tagliano le gambe ai bianconeri, Nel secondo tempo il Picchio fatica a reagire e rischia più volte di subire la quarta rete. Al 78′, però, con il subentrato Rosseti, trova il 3-2 sugli sviluppi di un corner; l’assalto finale, tuttavia non produce il pareggio.

PAGELLE

LANNI 6,5 – Una buona uscita nel primo tempo, sullo scatenato Kouamé. Forse non copre bene il suo palo sul terzo gol, ma la conclusione è molto ravvicinata. Nel finale, inoltre, tiene la squadra in partita con due grandi parate delle sue.
MOGOS 5 – Spinge poco e difensivamente soffre tantissimo le continue incursioni del Cittadella, che sulle fasce fa il bello e il cattivo tempo. Indubbiamente, De Feo lo aiuta poco, però deve, e può fare, meglio.
DE SANTIS 5 – La fisicità di Kouamé lo mette in crisi. Commette un fallo da rigore, proprio sull’attaccante del Cittadella, ma viene graziato. Sul terzo gol cerca una chiusura abbastanza goffa. Nota positiva: mostra personalità in fase di possesso e gioca sempre con la testa alta, cosa non scontata per un giocatore della sua età.
GIGLIOTTI 5.5 – Il “migliore” del pacchetto difensivo; se non altro, perché soffre meno del suo compagno l’intraprendenza di Kouamé. Anche lui, però, è preso in mezzo dai continui bombardamenti laterali dei veneti.
FLORIO 5 – Un destro a sinistra non è mai una bell’affare. L’ex Santarcangelo, all’esordio in cadetteria, fa notare tutte le difficoltà del caso, non usando praticamente mai il mancino e rientrando sul suo piede forte, perdendo così, spesso, il tempo della giocata. Baldini non aiuta ad assorbire le scorribande avversarie e lui fatica tantissimo.
BUZZEGOLI 6 – Come preventivabile, è il cervello di questa squadra; tutte le azioni offensive dei bianconeri passano dai suoi piedi: se si spegne lui, si spegne l’Ascoli. Cala fisicamente nel secondo tempo, ma da due suoi corner nascono il 3-2 ed il possibile pareggio.
ADDAE 5.5 – Gioca la sua solita partita fatta di tanta quantità e cuore. Questo è quello che può offrire e sarà fondamentale averlo vicino a Buzzegoli durante l’arco della stagione. La qualità non è il suo pane e non gliela si deve chiedere.
DE FEO 5 – Fuori dal gioco. Dalla sua parte, offensivamente, il Picchio non è mai pericoloso e, difensivamente, sbanda continuamente, anche perché lui aiuta poco. Ha qualità, ma questa sera non ha dimostrato quanto vale. CLEMENZA (dal 62′) 6.5 – Da vivacità alla manovra, accentrandosi molto più di De Feo, creando situazioni interessanti tra le linee. Punta l’uomo, e la porta, senza paura, mostrando grande personalità.
SANTINI 7 (IL MIGLIORE) – Pronti via ed è subito solo davanti alla porta: l’emozione dell’esordio in Serie B lo tradisce e fallisce con l’esterno destro. Si fa perdonare in grande stile con una perla dal limite dell’area. Il migliore del quartetto d’attacco per distacco, sempre nel vivo della manovra. Esce per un infortunio alla caviglia. ROSSETI (dal 56′) 6.5 – Entra con la voglia di spaccare il mondo e, per la troppa foga, si prende un giallo per un intervento duro su Iori. Il gol di testa che riapre la partita è veramente bello e denota una grande voglia di fare, ma anche tanta qualità.
BALDINI 5 – l’Ascoli sulla sua fascia sinistra soffre, aiuta con poca costanza Florio, non fa mai vedere le sue qualità in fase di possesso palla. JALLOW (dal 85′) s.v. – Entra nel finale per provare l’assalto al pari, ma non ha molti palloni giocabili.
FAVILLI 5.5 – Fresco di convocazione in Nazionale U-21, il bomber bianconero si sbatte e, come al suo solito, fa a sportellate con tutta la difesa avversaria; quest’oggi, però, perde molto spesso i duelli. Tuttavia, l’assist per la grande occasione di Santini ed una conclusione nel finale, al termine di una iniziativa personale, dimostrano come, nonostante le difficoltà, l’attaccante pisano non esca mai con la testa dalla partita.

FIORIN-MARESCA 5.5 – La squadra è propositiva all’inizio, ma dopo il vantaggio si spegne inspiegabilmente. Prova a tenere la linea alta e, per una ventina di minuti, fino al pareggio, lavora bene, mettendo in fuorigioco più volte i giocatori del Cittadella. Sulle fasce, però, la squadra è sempre in inferiorità ed i cross continui, mandano in crisi la difesa. La sensazione, purtroppo, è che, con questo atteggiamento tattico, la situazione possa ripetersi. Vediamo come rimedieranno nelle prossime partite.

TABELLINO

CITTADELLA (4-3-1-2): Paleari; Salvi, Varnier, Adorni, Benedetti (88′ Caccin); Siega (70′ Settembrini), Iori, Pasa; Chiaretti; Litteri, Kouamé (74′ Arrighini). A disposizione: Corasaniti, Camigliano,, Bartolomei, Schenetti, Settembrini, Iunco,Fasolo. Allenatore Venturato

ASCOLI (4-3-2-1): Lanni; Mogos, De Santis, Gigliotti, Florio; Buzzegoli, Addae; De Feo (62′ Clemenza) Santini (56′ Rosseti), Baldini (85′ Jallow); Favilli. A disposizione: Venditti, Ragni, Carpani, Parlati, Cinaglia. Allenatore: Fiorin

Arbitro: Pezzuto di Lecce

Reti: 11′ Santini (A) 22′ Schenetti , 35′ Kouamé, 43′ Siega (C), 78′ Rosseti (A)

Ammoniti: Addae, Florio, Rosseti (A), Settembrini, Caccin (C)

(Letto 236 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 236 volte, 1 oggi)