ASCOLI PICENO – Inizio del nuovo anno scolastico in tutta la Regione Marche, arriva il saluto dell’assessore Loretta Bravi agli studenti e alla comunità didattica.

“Ricominciamo dalla scuola”: luogo di nascita per l’entroterra colpito dal sisma, opportunità educativa per i più piccoli, di formazione da spendere sul mercato del lavoro per i più grandi e di ricambio generazionale nelle aziende, di investimento educativo per costruire l’identità delle persone. È ispirato al futuro che si costruisce nel presente il messaggio di augurio che l’assessore Loretta Bravi ha rivolto agli studenti e alla comunità didattica in occasione dell’avvio del nuovo anno scolastico.

“Auguro a voi tutti un percorso educativo improntato sulla fiducia e la collaborazione reciproca nella consapevolezza che la scuola resta, oggi più che mai, il luogo privilegiato per curare la relazione, il dialogo, i legami affettivi e l’acquisizione di un serio metodo di approccio al sapere e alla conoscenza – l’assessore all’Istruzione spiega – Ricominciamo dalla scuola per precisi motivi: ricominciamo nei luoghi del sisma. Mantenere i presidi, tutelare gli entroterra, significa investire nella scuola come luogo di rinascita di intere comunità, ripopolamento dei territori, ripresa della vita quotidiana. Ricominciamo dalla scuola come opportunità per i più piccoli di un percorso educativo puntuale, mirante alla crescita nell’ottica di un sistema educativo (0-6) attento alla didattica, ai territori, al welfare sociale di sostegno alle famiglie Ma anche come luogo di formazione, culturale e professionale, luogo di acquisizione del sapere e di competenze specifiche necessarie al curricolo dello studente e competitive nel mercato dle lavoro”.

“Ricominciare dalla scuola è fondamentale per il futuro delle nostre aziende, nell’ottica dell’innovazione di prospettive e strumenti puntuali richiesti nel ricambio generazionale, come preziosità del capitale umano in un momento di grave disorientamento antropologico e sociale – ha aggiunto – Violenza, perdita del valore della dignità e del rispetto proprio e dell’altro, intolleranze e divisioni, toccano i giovani e i meno giovani facendo emergere l’urgenza di un investimento educativo volto a costruire l’identità della persona nel contesto comunitario e sociale”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 85 volte, 1 oggi)