ARQUATA DEL TRONTO – “Oggi è un giorno di festa, perchè si apre ufficialmente l’anno scolastico ad Arquata, i bambini ci sono e il futuro appartiene a loro”.

Michele Franchi, vicesindaco arquatano, commenta così l’inizio del nuovo anno scolastico, che riapre i battenti a Borgo.

“C’è solo qualche cavillo burocratico su cui lavorare per evitare le pluriclassi – spiega Franchi – la Regione Marche ha dato disponibilità al Sindaco Aleandro Petrucci e all’amministrazione di risolvere la situazione prima possibile, perchè nessuna classe è stata accorpata negli istituti marchigiani, colpiti dal terremoto.

Siamo fiduciosi che si risolva, al più presto. Rassicuriamo i genitori e promettiamo di seguire costantemente gli sviluppi. Se il Provveditorato agli studi non agirà come promesso, come amministrazione saremo i primi a protestare.”

I genitori sono venuti a conoscenza delle pluriclassi soltanto nella serata di ieri, preoccupati del rallentamento che tale soluzione potrebbe portare chiedono lo sdoppiamento delle classi, affinchè ogni singolo alunno possa seguire in maniera puntuale il programma ministeriale del proprio anno scolastico.

Nell’ultimo consiglio aperto ai rappresentanti di classe la dirigente scolastica aveva scongiurato tale ipotesi, dunque l’auspicio è quello che tutto torni alla normalità, per gli insegnanti che dovrebbero redigere piani di studio particolari e per i ragazzi di prima e seconda media, che dovrebbero seguire un orario alternato e frammentato.

“Voglio rimarcare che la scuola è pronta in tempi record, è una scuola all’avanguardia, inaugureremo il 20 ufficialmente – continua il vicesindaco Michele Franchi– vedere che i bambini sono tranquilli e le famiglie che sono tornate sul nostro territorio è motivo d’orgoglio e di speranza per Arquata.

Abbiamo puntato molto sul plesso scolastico realizzato dalla Fondazione La Stampa e siamo contenti che siano stati rispettati i tempi previsti all’inizio. Oggi è un motivo di forte speranza, che sia solo l’inizio della rinascita della nostra Arquata”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 452 volte, 1 oggi)