ASCOLI PICENO – Sono circa un centinaio le lettere di diffida all’Asur sul rispetto dell’obbligo vaccinale per i bambini da zero e sei anni in base alla legge Lorenzin.

“Ci sono diffide vere e proprie – si legge in una nota dell’Asur – ma anche richieste di sottoporre i figli a vaccini ‘singoli’, il che non può essere perché i vaccini disponibili sono polivalenti, oppure ancora a esame sierologico, per verificare. Questo è possibile, ma la spesa è a carico delle famiglie. C’è anche chi chiede un appuntamento per avere chiarimenti e prenota per la vaccinazione, ma poi non si presenta, cercando di prendere tempo”.

“Tra le curiosità – proseguono dall’azienda sanitaria – qualcuno ha diffidato dal vaccinare i propri figli a scuola, cosa impossibile, dato che vaccinazioni si fanno solo nelle strutture sanitarie. Su circa 74.600 bambini da zero e 6 anni – spiegano – poco più del 13% è risultato non in regola. Abbiamo spedito quasi 10 mila lettere raccomandate con ricevuta di ritorno con i moduli per l’autocertificazione”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 199 volte, 1 oggi)