ASCOLI PICENO – In occasione delle giornate Europee del patrimonio 2017, sabato 23 settembre alle ore 16,30 presso la sede dell’Archivio di Stato di Ascoli Piceno si terrà una Tavola Rotonda dal titolo  “In queste spaventose emergenze… il terremoto tra passato e presente”, con esposizione di documenti relativi ai terremoti nel territorio piceno dal se. XVIII al sec. XX, con l’intento di evidenziare le caratteristiche e le problematiche che accomunano i recenti eventi sismici a quelli dei secoli passati, dal punto di vista storico, geologico, devozionale, socio-culturale, tecnico-edilizio.

Nella tavola rotonda interverranno: il Direttore dell’ASAP Laura Ciotti sulle fonti documentarie del sec. XVIII, da cui è tratta la citazione testuale utilizzata nel titolo dell’evento, a riprova del loro contributo di viva testimonianza; due esponenti dell’INGV sui precedenti storici dei fenomeni e sugli aspetti scientifici e sismici; Paolo Petrucci dell’Associazione S. Emidio nel Mondo di Ascoli Piceno sulla devozione al patrono S. Emidio da secoli persistente quale protettore dai terremoti; l’ingegnere del Comune di Ascoli Maurizio Piccioni sulla gestione attuale dell’emergenza sismica; l’Archivista di Stato Emanuele Tedeschi sulle conseguenze del terremoto sul patrimonio archivistico.

Il percorso espositivo comprende documentazione individuata nei fondi conservati dall’Archivio di Stato, distinta in due sezioni:

  • il passato: attestazioni relative ai fenomeni sismici del sec. XVIII, contenute nelle fonti comunali, in cui trovano riscontro anche elementi devozionali oggi persistenti, e contatti con località dell’Abruzzo vittime di violenti sismi; il terremoto del 3 ottobre 1943 documentato dalla serie più antica del Genio Civile, da cui emergono interessanti riscontri per il comune di Arquata e per altre località dei Sibillini colpite dal sisma del 2016;
  • il presente: carteggi e planimetrie relativi ad edifici pubblici, di culto e scolastici, degli anni 1950-1980, che hanno fornito dati necessari ad interventi di recupero edilizio post sisma di strutture danneggiate nel 2016.  
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 77 volte, 1 oggi)