ASCOLI PICENO – La grave vicenda che ha coinvolto una tredicenne ascolana della quale avrebbero abusato due profughi presenti nelle strutture di accoglienza, ha originato, dopo la reazione del sindaco di Ascoli Guido Castelli,  anche una presa di posizione dell’ex consigliere comunale ed ex assessore provinciale Andrea Maria Antonini, attualmente della Lega Nord, il quale in un post su Facebook ha scritto che “Se la notizia dello stupro della ragazza tredicenne in pieno centro ad Ascoli da parte di due richiedenti asilo dovesse trovare conferma, chiederò al Prefetto l’immediata chiusura di tutti i centri d’ospitalità presenti nel comune per ragioni di sicurezza pubblica”.

“La richiesta di chiusura non viene richiesta per un semplice atto punitivo e ritorsivo “Sbagliano due vi mandiamo via tutti” , che comunque potrebbe anche essere giusto – ha risposto Antonini ad una donna che criticava la sua scelta – Ma viene chiesta, se leggi bene, per motivi di sicurezza pubblica, ovvero di tutti, compresi gli stessi che alloggiano nelle varie strutture, poiché l’atmosfera si è velocemente surriscaldata e nessuno vuole che succedano ulteriori disgrazie”.

(Letto 1.061 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.061 volte, 1 oggi)