ASCOLI PICENO – “Nel sisma di fine ottobre 2016, hanno funzionato bene la gestione dell’emergenza, l’insieme dei provvedimenti messi in atto per la ricostruzione e le risorse ma ci sono stati ritardi ingiustificati, manca una percezione chiara e corretta della portata devastante di un evento straordinario come non ne abbiamo mai vissuti e soprattutto serve una maggiore semplificazione”.

E’ il pensiero, rilasciato all’Ansa, del Governatore regionale Luca Ceriscioli. Un punto della situazione dopo le forti scosse di un anno fa (26 ottobre magnitudo 5.4, 5.9 e 4.6 che coinvolse le province di Ascoli, Fermo e Macerata. Il 30 avvenne il sisma 6.4).

“Certamente ha funzionato molto bene la gestione dell’emergenza – spiega il Presidente all’Ansa – Nel giro di pochi giorni circa 40 mila persone hanno trovato una collocazione in un albergo o in una casa. Gli sfollati ora sono poco più di 30 mila, mille in meno rispetto ad un mese fa, 2.896 quelli ospitati in strutture ricettive, 28.818 che usufruiscono del Cas”.

Al Governatore viene fatta una domanda sui ritardi nella realizzazione delle casette: “Sono 231 le casette consegnate, poche purtroppo, mentre 1.588 sono in lavorazione”.

(Letto 79 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 79 volte, 1 oggi)