SPINETOLI – Sono partite le lezioni del progetto “Professione Centimetro Zero” nella Locanda del Terzo Settore. La specializzazione professionale consentirà a giovani con disabilità intellettive di acquisire conoscenze e competenze, spendibili sul mercato del lavoro.

Il progetto “Professione Centimetro Zero” è ambizioso, ma concreto poichè offre ai ragazzi diciotto mesi di attività, 20 ore di orientamento, 120 ore di aula, e 400 di esperienza pratica e tirocini, con la presenza di educatori, pedagogisti e cuochi.

LOCANDA DEL TERZO SETTORE

La Locanda del Terzo Settore di Spinetoli è un modello di locanda sociale, nel quale si intrecciano il mondo della ristorazione, con quello della disabilità, dell’autoproduzione e del recupero creativo.

Il cuore pulsante della Locanda sono i ragazzi che sono coinvolti in un processo di formazione, di produzione nell’orto, di scambio relazionale tra i partecipanti.

I prodotti serviti nella Locanda provengono dalla rete di aziende locali e cooperative sociali del territorio. Il fiore all’occhiello è proprio il menu, che segue la stagionalità di ogni prodotto, grazie anche all’orto a “Centimetro zero” lavorato dallo staff.

Persino l’arredamento è frutto dell’impegno dei ragazzi che, durante i laboratori creativi, hanno dato vita a pezzi unici, d’artigianato artistico, realizzati con il supporto di professionisti del territorio.

Dopo la cena presso la Locanda i clienti potranno acquistare la sedia dove hanno cenato, oppure gli altri complementi d’arredo. In tal modo, si contribuisce a far continuare il progetto dei laboratori creativi.

LEZIONI MODULATE.

Tra le varie lezioni, ci sono le ore di meditazione, nel quale si insegna ai giovani a diventare consapevoli del proprio corpo e a saper raccontare le proprie emozioni.

In altre sezioni del corso, verrà proposta la conoscenza e l’utilizzo degli utensili in cucina, l’allestimento dei tavoli, la preparazione dei cibi, il lavoro in sala.

La preparazione professionale incontra, come spiegano le operatrici “un’intesa che va oltre, in cui condividiamo le emozioni, le ore di lavoro e il relax. L’ambito lavorativo e quello relazionale sono a stretto contatto”.

Il corso “Professione Centimetro Zero” è stato realizzato con il contributo della Fondazione Carisap, e in poche lezioni sembra essere diventato un punto di riferimento per i ragazzi che partecipano, dove si cresce professionalmente in un ambiente umano e rilassato.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.

(Letto 118 volte, 2 oggi)