ARQUATA DEL TRONTO – Nella zona rossa del cratere nasce un piccolo progetto per far ripartire l’agricoltura locale, nella località Villa Papi di Antidio Fulvi, grazie all’idea dell’azienda agricola di Ascoli Piceno. “Un progetto sperimentale  importante – dichiara Andrea Agostini, socio dell’azienda Anima – che vogliamo porti speranza nelle zone colpite dal sisma.”

Gli agricoltori dichiarano: “Abbiamo dissodato la terra e piantato 22 piccole piantine, vorremmo che ci fossero dati aiuti per non perdere la speranza perchè fino agli anni ’50 i gelsi qui c’erano e la bachicoltura potrà portare lavoro inizialmente stagionale, ma poi vedremo.”

Un progetto partito con l’intento di far ripartire l’economia locale. “La via conduce poi a due alberi di mela, di varietà molto antica, vorremo salvaguardare questa varietà e far ripartire la piantagione, con 50 talee.” “La nuova via della seta” con le eccellenze agricole del territorio e della zona potrà rappresentare un ritorno alla genuinità, che non dipende solo dalle certificazioni ci spiegano gli agricoltori, e sarà una ricchezza. “La speranza è quella di avere dei contributi che non vadano solo investiti in grandi infrastrutture.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 380 volte, 4 oggi)