ANCONA – “Sono trenta le aree dei comuni in cui Arcale è in ritardo rispetto ai 60 giorni previsti dall’accordo quadro firmato con la Protezione civile nazionale per il montaggio delle casette. Sono poi oltre una decina le aree in cui sono in ritardo di oltre 20 giorni rispetto alla data di consegna. Giorni che raggiungono quota 32 per un’area di Caldarola e 37 per un’altra di Fiastra”.

Lo afferma l’assessore alla protezione civile delle Marche Angelo Sciapichetti che l’11 novembre ha partecipato alla consegna delle Sae a Pieve Torina. “È questo che la Regione Marche sta denunciando da settimane, chiedendo, durante le video conferenze con la protezione civile nazionale al consorzio di adeguare la forza lavoro. Le imprese marchigiane hanno terminato i lavori di urbanizzazione in 70 aree entro settembre. Ci stupisce che nel segnalare i problemi alle casette Borrelli non abbia detto una parola su questi ritardi”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 146 volte, 1 oggi)