ASCOLI PICENO – Dopo uno 0-0 con la Cremonese che ha visto l’Ascoli tornare a fare punti dopo 4 sconfitte consecutive, la società bianconera continua il suo silenzio stampa e nessun tesserato si presenterà in sala stampa.

Partita nervosa e con poche emozioni, l’Ascoli ha badato al sodo ed ha cercato, riuscendoci, di portare a casa almeno un punto. Inedita difesa a tre per la squadra di Fiorin, con Mogos e Cinaglia pronti ad abbassarsi in fase difensiva per poi ripartire sulle fasce. Il duo Santini-Lores Varela ha mostrato molto impegno ma è apparso isolato là davanti, con uno dei due pronto a ripiegare per dare una mano in fase di non possesso. A centrocampo si è sentito il ritorno di Buzzegoli che ha cercato di dare ordine alla mediana bianconera, con Bianchi e Carpani impegnati nelle due fasi. Di Bianchi probabilmente l’occasione migliore per gli ascolani con un suo tiro che ha lambito l’incrocio dei pali nonostante il giocatore stesse scivolando mentre calciava.

I tifosi continuano nella loro protesta contro la società, esposti diversi striscioni per esprimere il loro pensiero; “I tifosi non ti hanno mai chiesto niente solo rispetto per l’Ascoli e la sua gente” quello riservato al presidente Bellini.

L’allenatore della Cremonese Attilio Tesser: “E’ stata la partita che mi ha aspettavo, peccato non aver portato a casa i tre punti, le occasioni le abbiamo avute. L’intervento di Mengoni? Sbagliano i calciatori così come anche gli arbitri possono sbagliare, ci sta. Non mi aspettavo il cambio di modulo dei bianconeri se devo essere sincero, ma non può rappresentare un problema per la mia squadra. L’infortunio di Claiton ha condizionato i miei cambi, il terzo lo avrei effettuato diversamente. In serie b regna grande equilibrio, ogni partita è una battaglia, quest’anno in particolare non esiste una gara scontata”

Uno degli ex di turno Alberto Almici: “Nella situazione dell’Ascoli bisogna cercare di fare gruppo, come facevamo nei due anni che ho giocato qui. Ho molta stima di Cinaglia, è un mio grande amico, può essere un ottimo terzino. Il clima che ho trovato qui? Difficile, li ho visti un po’ giù di morale, ma ripeto anche noi nei due anni che sono stato qui abbiamo avuto momenti difficili, ma facendo gruppo ne siamo sempre venuti fuori”.

 

(Letto 181 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 181 volte, 1 oggi)