ASCOLI PICENO – L’Autorità nazionale anticorruzione, la Procura generale presso la Corte d’Appello di Ancona e le Procure della Repubblica nei cui distretti ricadono gli 87 Comuni marchigiani del “cratere” (Ancona, Ascoli Piceno, Fermo e Macerata) hanno siglato un protocollo d’intesa per prevenire il rischio di infiltrazioni criminali nella ricostruzione pubblica post-sisma.

In base all’accordo, l’Anac e l’Autorità giudiziaria daranno vita a uno scambio informativo che consentirà di rendere ancor più efficaci i controlli preventivi di rispettiva pertinenza ed effettuare ispezioni mirate nei cantieri.

La condivisione di dati e documenti riguarderà le varie fasi delle procedure d’appalto destinate alla ricostruzione, dalla nomina del direttore dei lavori fino alla fase di esecuzione contrattuale.

(Letto 34 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 34 volte, 1 oggi)