APPIGNANO – Il comune di Appignano del Tronto è risultato vincitore del bando della commissione europea Horizon 2020, un bando a chiamata diretta dell’Unione Europea che finanzia un progetto coordinato dall’Università di Bologna, con decine di partner internazionali, per un importo complessivo di oltre 10 milioni di Euro.

Mostra grande soddisfazione il sindaco Sara Moreschini: “Quando a gennaio eravamo in fase di piena emergenza post sisma tra messe in sicurezza, sopralluoghi e ordinanze di sgombero, la proposta dell’Università di Bologna di partecipare al progetto RURITAGE per rispondere ad un bando diretto della commissione europea Horizon2020, ci è sembrata l’unica via per ancorarci alla speranza di ripartire. Eravamo consapevoli che un solo progetto sarebbe stato finanziato ma questo non ci ha fermato, consapevoli che a volte il lavoro duro, la tenacia, la competenza pagano e questa volta hanno pagato davvero. Ce l’abbiamo fatta. Un solo progetto finanziato: il nostro”.

“Il Progetto “Ruritage – Patrimonio culturale come motore per la crescita sostenibile” – prosegue il primo cittadino appignanese – è partito dall’analisi e dalla conoscenza di 14 partner di eccellenza a livello europeo su 6 aree sistemiche di intervento volte all’implementazione di un modello di sviluppo e di crescita fondato sul nostro patrimonio culturale rurale. Analizzando le eccellenze quali il Cammino di Santiago in Spagna per i pellegrinaggi e le esperienze cretesi ed islandesi per la resilienza, i festival artistici dell’Alta Provenza, sono state individuate le buone pratiche da replicare nel territorio comunale, promuovendo un percorso di rinascita post sisma di Appignano”.

Il progetto prevede sia interventi strutturali – continua la Moreschini – quali la realizzazione di una piazza che sorgerà dalle macerie di un edificio crollato a causa del sisma nel centro storico, la ristrutturazione di un immobile fulcro di tutte le iniziative, sia interventi volti alla promozione e conoscenza del territorio quali un percorso denominato “il cammino dei calanchi grigio-azzurri” che condurrà turisti e pellegrini alla scoperta del patrimonio religioso, delle eccellenze produttive agricole ed artigianali. In collaborazione con l’INGV verranno installati due sismografi per misurare l’accelerazione sismica locale collegati alle rete nazionale ed una stazione meteo. Il progetto prevede interventi, iniziative, festival, manifestazioni ed esercitazioni per 4 anni, con incontri periodici tra tutti i partner. Dopo un anno e mezzo circa dall’avvio del progetto, si terrà un meeting di tutti i partner ad Appignano Del Tronto”.

“Il nostro comune ha elaborato una proposta progettuale molto articolata, coinvolgendo partner istituzionali nazionali e locali, enti di ricerca, università, ordini professionali, fondazioni bancarie, associazioni culturali ed attività produttive locali, nell’obiettivo di promuovere la crescita di Appignano attraverso una serie di azioni che ne incrementino la resilienza, e ne favoriscano lo sviluppo in tutti gli ambiti. Il totale del finanziamento del bando è di 10 milioni di euro, a noi ne spettano circa 500.000 euro ma i benefici sono molto di più della cifra economica perché la ricaduta del progetto farà crescere di molto il nostro territorio in termini di visibilità, di turismo e di ricaduta sull’indotto del nostro tessuto produttivo”.

(Letto 271 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 271 volte, 1 oggi)