ASCOLI PICENO – Arriva dal Piceno terremotato l’albero di natale per il Quirinale. A darne notizia sono Coldiretti e Federforeste, con il Pefc  (Programma per il riconoscimento di schemi nazionali di Certificazione Forestale), dopo la consegna nella residenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dell’abete rosso dell’altezza di circa 5 metri donato dalla Comunanza agraria di Montacuto di Acquasanta Terme (Ascoli Piceno).

Una comunanza nata nel lontano 1100 e formata da 100 famiglie che gestiscono assieme i boschi, solo tre delle quali, però, è riuscita a tornare nelle proprie case dopo il sisma. L’albero proviene, in particolare, dai terreni di Ascenzio Santini, imprenditore agricolo e agrituristico di Acquasanta Terme, che ha avuto gravi danni a causa del terremoto. Quella di scegliere un abete proveniente dalle zone devastate dal sisma è un gesto importante e significativo, sottolinea Coldiretti, da parte della Presidenza della Repubblica verso un territorio ancora alle prese con numerose difficoltà legate alla conclusione dell’emergenza e all’avvio della fase della ricostruzione.

Il terremoto, ricorda Coldiretti, ha colpito duramente le comunanze agrarie e le imprese agroforestali delle province di Macerata, Ascoli Piceno e Fermo. Oltre ai danni strutturali alle sedi e alle aziende, l’abbandono dei paesi da parte delle persone ha fatto venir meno la tradizionale clientela del mercato della legna, e a ciò si sono sommati gli effetti del sisma sulla rete viaria montana.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 200 volte, 1 oggi)