ANCONA – Di seguito una nota della Regione Marche in merito alle procedure per la presentazione di progetti da parte dei privati per la ricostruzione a causa dei danni del terremoto.

Importanti novità per i cittadini che devono intervenire sulla propria abitazione danneggiata in modo lieve o grave dal terremoto. Arriva un ulteriore snellimento con l’ordinanza sulla semplificazione per la ricostruzione privata nelle zone del sisma. Queste modifiche saranno operative dopo la pubblicazione.

L’ordinanza contiene una serie di misure che riguardano i professionisti e le imprese.

Il provvedimento è frutto della volontà della commissaria Paola De Micheli di snellire ulteriormente le procedure e del lavoro, di questi mesi, degli uffici della ricostruzione che hanno raccolto, con l’esperienza, quello che andava migliorato.

Una delle innovazioni è che la gara fra le imprese viene fatta alla fine della procedura, evitando così di lasciare le ditte di costruzione in attesa del percorso di approvazione.

C’è poi il contributo dato all’inizio ai professionisti, possibilità fortemente caldeggiata dagli addetti ai lavori, per avere disponibilità economica che consenta di svolgere l’attività propedeutica vera e propria.

“Con questa approvazione auspichiamo che si accelerino le presentazioni di progetti da parte dei privati e anche i tempi di valutazione da parte degli uffici competenti” ha commentato il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli

Nell’ordinanza viene inserita anche una preistruttoria che permette al professionista e al titolare del contributo di conoscere subito l’ammontare della cifra alla quale si abbia diritto.

Altra grande novità, il professionista propone il calcolo del contributo che deve avere il cittadino, alleggerendo la fase istruttoria degli uffici.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 213 volte, 1 oggi)