ASCOLI PICENO – Alla vigilia del match con l’Avellino, previsto sabato alle ore 15 al “Partenio”, tra i bianconeri sono in diffida Gigliotti e Mogos, mancheranno anche Clemenza e De Feo.  Il tecnico bianconero Serse Cosmi, analizza il match che sarà: “Clemenza non sta bene per la botta alla caviglia, sente dolore mentre De Feo ha una sindrome influenzale. Bianchi non desta preoccupazione anche Varela è rientrato. Lanni ha problemi per la distorsione alla caviglia decidiamo domani. Sulla formazione: “Per ora cerchiamo di mantenere un filo logico.”

“Credo che la situazione di classifica sia deficitaria e tra le varie componenti ci sta anche la sfortuna, combattere la sfortuna pensando che nasca tutto da qui non sarebbe intelligente – afferma Cosmi –  non dobbiamo piangerci addosso, dobbiamo giocare alla pari. Sto valutando anche alcuni giocatori della Primavera.”

Sull’Avellino: “Il nostro traguardo è la salvezza – dichiara il tecnico – non pensiamo agli altri e ai problemi dell’Avellino e auguro solo cose buone a noi stessi. Loro sono una squadra che era partita bene, un organico di grande rispetto, in tutti i settori. Alcuni giocatori li conosco bene. Giocatori formidabili nell’uno contro uno, dobbiamo limitare questo e dipenderà molto dal coraggio di attaccarli a tutto campo.”

La sua frase prima dell’esordio ha colpito molto i suoi giocatori “Voglio stravincere!”: “Io voglio sempre vincere, non è un termine arrogante. Credo che ci voglia una forza che vada oltre il desiderio di vincere sempre rispettando l’avversario. Sono stato sorpreso molto dall’approccio iniziale ma avevamo davanti una squadra strutturata.”

Nella fila dell’Avelino, out nell’allenamento di ieri Ardemagni, che era a Roma per una visita di controllo presso Villa Stuart, ma dovrebbe partire titolare, in campo provato il 3-5-2 e il 4-4-2, potrebbe trovare spazio anche l’ex Ascoli, Pecorini.

Il mister dei Lupi, Walter Novellino: “Incontriamo una squadra che ha cambiato allenatore e quando si cambia si ha carattere e temperamento ma noi stiamo tornando quelli di un tempo. Dobbiamo giocare con attenzione e coraggio. Sono convinto che possiamo fare una grande partita, tutte le partite hanno delle insidie. Ho recuperato giocatori importanti, ci dobbiamo preoccupare di noi non degli avversari. Con Cosmi siamo amici, ognuno fa il proprio lavoro, ci conosciamo ci incontriamo, parliamo, è una brava persona e molto intelligente. Sull’episodio accaduto lo scorso anno al Del Duca, commenta così: “Gli ascolani hanno al memoria corta!” Cosmi su Novellino: “Io sono perugino lui adottivo, spesso ci confrontiamo e parliamo spesso.”

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 177 volte, 1 oggi)