ASCOLI PICENO – E’ stato inaugurato oggi, 20 dicembre, nella sede Cosmari il nuovo sito di deposito definitivo delle macerie della provincia di Macerata dove, con uno spazio e sistemi operativi ottimali, sarà possibile lavorare su volumi che potranno raggiungere 1500 tonnellate al giorno. Il capannone misura 2000 metri quadrati, tutta l’area è di 16 mila metri quadrati e il costo è di circa 3 milioni di euro.

Miglioramenti si avranno anche dal punto di vista dell’ambiente di lavoro, poiché si tratta di un capannone chiuso e a regime è previsto un sistema di movimentazione su nastro che consentirà di velocizzare le lavorazioni e di rendere meno pesante tutta l’attività.

Attualmente sono 261.857,49 le tonnellate complessive di macerie rimosse, di cui 116.954,28 nella provincia di Macerata, 140.482,02 ad Ascoli Piceno e 4.275,15 a Fermo.

La raccolta delle macerie pubbliche è stata completata e ora lavorano i Comuni con il gestore, con un cronoprogramma stabilito in base alle ordinanze di demolizione dei sindaci. Tra il materiale recuperato anche oggetti, cose personali e quello che fa parte della vita quotidiana della comunità rimasti sotto le maceria per le violente scosse sismiche. Il sistema di trattamento delle macerie applicato permette di recuperare il 99 per cento del materiale.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 112 volte, 1 oggi)