ASCOLI PICENO – Martedì 9 gennaio dalle ore 18.30 nella Sala Conferenze della Libreria Rinascita si terrà l’appuntamento, con il gruppo di lettura, del libro del mese Pastorale Americana di Philip Roth.

Il libro è stato scritto nel 1997, la cornice di Pastorale americana è il 45° ritrovo degli allievi di una scuola superiore cui partecipa Nathan Zuckerman, un personaggio che compare quale alter ego dell’autore in diversi romanzi di Roth

La trama percorre la vita di Seymour Levov,  alto, biondo, atletico: al liceo lo chiamano «lo Svedese». Ebreo benestante e integrato, ciò che pare attenderlo negli anni Cinquanta è una vita di successi professionali e di gioie familiari.

Finché le contraddizioni del conflitto in Vietnam, esplose negli Stati Uniti, non coinvolgono anche lui, e nel modo piú devastante: attraverso l’adorata figlia Merry, “decisa a portare la guerra in casa”. Letteralmente. Ma Pastorale americana non si esaurisce nell’allegoria politica; è un libro sulla vecchiaia, sulla memoria, sull’intollerabilità di certi ricordi. Lo scrittore Nathan Zuckerman, fin dall’adolescenza affascinato dalla vincente solarità dello Svedese, sente la necessità di narrarne la caduta. E ciò che racconta è il rovesciamento della pastorale americana: un grottesco Giudizio Universale in cui i Levov, e i lettori, assistono al crollo dell’utopia dei giusti, al trionfo della rabbia cieca e innata dell’America.

Il libro Pastorale Americana vinse il Premio Pulitzer per la Narrativa nel 1998. Philip Roth è uno dei più noti e premiati scrittori statunitensi della sua generazione, considerato tra i più importanti romanzi ebrei di lingua inglese.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 53 volte, 1 oggi)