ASCOLI PICENO – Il maltempo arriva a flagellare l’Italia con bufere di neve, piogge violente e forte vento in un gennaio “bollente” con temperature massime di 4 gradi superiori alla media.

E’ quanto afferma la Coldiretti sulla base dei dati Ucea relativi alla prima decade del mese che vedono precipitazioni record da Nord a Sud con temporali, nevicate e mareggiate che causano danni, frane e problemi alla viabilità.

“Pioggia e neve giungono dopo un 2017 che – sottolinea Coldiretti – in Italia è stato l’anno piu’ secco di sempre, con la caduta del 31% di acqua in meno della media che ha provocato la piu’ grave siccita’ da 217 anni con drammatici effetti sull’agricoltura ma anche rischi per gli usi civili ed industriali”.

Siamo di fronte agli effetti dei cambiamenti climatici che si stanno manifestano con pesanti effetti sull’agricoltura italiana che negli ultimi dieci anni ha subito danni per 14 miliardi di euro secondo la Coldiretti.

“Si moltiplicano – conclude la Coldiretti – gli eventi estremi, sfasamenti stagionali e precipitazioni brevi, ma intense e il repentino passaggio dal sereno al maltempo. Siccità e bombe d’acqua con forti piogge a carattere alluvionale, ma anche nevicate estreme e picchi di calore anomali si alternano lungo l’anno e lungo tutta la Penisola”.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 163 volte, 1 oggi)