ASCOLI PICENO – Lega B dedica uno speciale su B Magazine alla nuova avventura di Serse Cosmi sulla panchina del Picchio. Il neo tecnico bianconero arrivato a dicembre per salvare la stagione racconta l’obiettivo salvezza che vorrebbe dire tanto dopo un girone d’andata non proprio esaltante per i bianconeri.

Un riscatto dopo Trapani, dalla A sfiorata alla retrocessione in C la stagione successiva:  “Ai colleghi più giovani dico di vivere la loro professione con passione e che l’esperienza è un fattore importante”, frasi importanti quelle rilasciate dal tecnico a B Magazine, che di esperienza ne ha davvero tanta alle spalle. Una sfida davanti adesso, e un girone di ritorno iniziato con una sconfitta col Cittadella. Col Trapani un’impresa quasi sfiorata per la A e ora deve tentare di salvare il Picchio. “Dico soltanto che la B ci ha abituato a grandi capovolgimenti. È capitato spesso che chi, al termine del girone di andata, s’è classificata fra le ultime cinque squadre, ha poi rischiato di fare i playoff oppure li ha fatti.”

“È stato un anno difficile, come lo sono tutti quelli in cui non sono in campo.. Per questo, e lo dico con sincerità, quando ho ricevuto la chiamata dell’Ascoli non ho neppure considerato la situazione di classifica che era ed è certamente difficile. Sono attratto dal blasone della società, dalla città e dai tifosi. C’è tutto ciò che serve per poter rialzare la testa.”

Sui giovani, elogi per De Santis: “Krunic è il più forte della categoria. Il nostro De Santis, come dissi di Caldara a Trapani, in due anni sarà protagonista in Serie A.”

 

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.

(Letto 103 volte, 1 oggi)