ROMA -I mandorli cominciano addirittura a fiorire ma tutte le coltivazioni sono in grande anticipo  per un mese di gennaio caldo e siccitoso che smentisce i proverbi anche nei giorni della merla e conferma la tendenza ai cambiamenti climatici.

E’ quanto emerge da un monitoraggio della Coldiretti che sottolinea come a gennaio le temperature massime siano ben al sopra della media mentre le precipitazioni sono ridotte del 12 % secondo le elaborazioni su dati Ucea relativi ai primi venti giorni del mese.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 87 volte, 1 oggi)