MACERATA – E’ terminata l’udienza di convalida per Luca Traini nel carcere di Montacuto. Il gip di Macerata Domenico Potetti ha confermato l’arresto e ha disposto la custodia cautelare in carcere per strage aggravata da odio razziale per le sparatorie commesse il 3 febbraio.

La Procura di Macerata aveva ipotizzato anche il reato di tentato omicidio plurimo, ma il gip non lo ha ammesso, ritenendolo assorbito nell’altra fattispecie, che è più grave.

Davanti al gip Traini si è avvalso della facoltà non rispondere.

Ma dopo che il magistrato ha lasciato il carcere di Montacuto, il 28 enne accusato di strage aggravata da odio razziale, assistito dall’avvocato Giancarlo Giulianelli, avrebbe reso dichiarazioni spontanee al pm Stefania Ciccioli, ribadendo che non era sua intenzione colpire l’unica ragazza di colore rimasta ferita nel raid di sabato. Traini da ieri, 5 febbraio, non è più in isolamento.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 64 volte, 1 oggi)