FROSINONE – Un buon Ascoli non riesce a portare a casa nemmeno un punto dallo Stirpe di Frosinone. I gialloblù fissano il risultato nei primi 20 minuto con Dionisi e Ciofani. Buzzegoli si fa parare un rigore al 44esimo, tirato male troppo male per uno con le sue qualità.

Nonostante tutto i bianconeri riescono ad avere quasi un totale possesso palla (59%) primo tempo con un grande Martinho e secondo tempo in cui De Santis è sontuoso in fase di difesa e anche in fase offensiva. Le occasioni non sono mai però troppo nitide a parte la punizione di Gigliotti diretta sotto al sette e il colpo di testa di Kanoute (ottimo il suo impatto). Su 12 tiri totali (contro i 9 dei padroni di casa) sono 6 quelli che sono arrivati in porta, con 5 corner a favore contro i 2 del Frosinone.

Molto più cinico il Frosinone che nel secondo tempo però si fa vedere solo con un palo di Dionisi e una sgroppata di Maiello,d’altronde la posizione in classifica denota un’atteggiamento da grande squadra.  I tifosi bianconeri, numerosi come sempre quasi 400, al termine contestano la società e il presidente Bellini. 

Il tecnico del Frosinone, Longo: “Vittoria importante, c’era un’occasione da sfruttare per non perdere punti con le concorrenti. Abbiamo fatto subito i due gol e in questa dinamica poi è venuto fuori il palleggio dell’Ascoli che con Clemenza tra le linee è riuscita a trovare molti spazi, tanti tiri da fuori area e molto bravi sui calci piazzati. Noi però abbiamo usufruito degli spazi creatisi, loro sono venuti a giocarsela e noi abbiamo approfittato degli spazi. Con solo un’attaccante davanti per noi era più facile chiuderli. Oggi c’era la volontà di dover vincere a tutti i costi.”

Il mister bianconero, Serse Cosmi: “Credo che nelle nove partite della mia gestione, con una parte dei nuovi arrivati nel mercato invernale, credo sia stata la partita migliore. Abbiamo subito subito il gol contro una squadra che è tra le prime. Abbiamo dei limiti in avanti, non abbiamo rinunciato a giocare. La parata più semplice del portiere loro è stato il rigore, non calciato bene. Forse avrebbe cambiato qualcosa il 2 a 1. “

Ascoli che ha fatto un gran possesso palla su un campo difficile:” Non do grande valore al possesso palla, Empoli e Frosinone sono due squadre diverse nell’affrontare le partite ma sono ciniche hanno attaccanti importanti per la categoria. L’Empoli concede meno loro di più, ma venire a giocarcela è un sintomo di personalità.” Ottimo Kanoute: “Non tutti i male vengono per nuocere le sconfitte non le sopporto ma oggi abbiamo visto un grande giocatore con personalità che secondo me avrà un grande futuro.”

Sui tifosi: “Ascoli non ha niente da invidiare al Frosinone, la sua storia è unica e imparagonabile con quella del Frosinone, sono orgoglioso di allenarla. Sono venuto ad Ascoli sopratutto per i tifosi, li considero fondamentali e loro sono sicuro che faranno di tutto per aiutarci oggi hanno capito che la squadra ha dato tutto quello che poteva fare”

Agazzi al posto di Lanni: “Scelta semplice, Lanni avrebbe voluto giocare sopratutto qui a casa sua ma a mio giudizio aveva bisogno di riposo ha il morale a terra mentre Agazzi si è allenato bene e si meritava di giocare”. Bene Martinho e Clemenza: “Giocatori che hanno arredato la partita, siamo arrivati con facilità al limite dell’area ma le soluzioni sono state sempre sbagliate, non bisogna sbagliare le interpretazioni.” Sontuoso De Santis: “L’Ascoli ha tanti giocatori giovani bravi, deve migliorare i cross per il resto da sicurezza.”

 

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 244 volte, 1 oggi)