ASCOLI PICENO – “Le risorse per i dissesti idrici sono fondamentali per avviare la ricostruzione di questi luoghi così fragili che sorgono attorno a fiumi e torrenti”, ha commentato così lo stanziamento di 280 milioni a favore delle zone a rischio idrogeologico il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, al termine della cabina di regia a Pieve Torina.

Il governatore si è soffermato anche sulla proroga dello stato di emergenza che sarà deliberata domani, 22 febbraio, dal Consiglio dei ministri: “Per noi è molto importante perché significa dare un messaggio a 30mila persone che ad ogni scadenza tornano a vivere momenti di preoccupazione legati, appunto, ai contributi di autonoma sistemazione e ad altri aiuti”.

Ceriscioli ha evidenziato anche i 27 milioni stanziati per gli acquedotti di Arquata del Tronto e Capodacqua. Il governatore ha infine ricordato che le Marche hanno avuto al momento finanziamenti per 1,2 miliardi: “E’ questo è segno di un impegno straordinario”.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 79 volte, 1 oggi)