ASCOLI PICENO – Presentato oggi, 15 marzo, presso Bottega del Terzo Settore il progetto “Restauro e salvaguardia degli impianti pittorici della cattedrale”, realizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno insieme alla Diocesi di Ascoli Piceno.

Nel Piano pluriennale 2017 – 2019 l’Organo di indirizzo della Fondazione ha deliberato di intervenire per tentare di ovviare alle gravi conseguenze del terremoto che, a più riprese, ha duramente colpito e purtroppo continua a tenere in apprensione la nostra comunità, mettendo a disposizione un importo complessivo di 6 milioni di euro.

La Fondazione si è innanzi tutto messa al lavoro per la difficile identificazione degli interventi più adeguati da mettere in atto, al fine di impiegare le risorse stanziate nel miglior modo possibile. A questo scopo, la Fondazione ha aperto un canale diretto con la comunità ed ha invitato enti, organizzazioni, singoli cittadini, a presentare le proprie idee e priorità di interesse collettivo.

La Fondazione ha inoltre avviato un processo di verifica documentale ed oggettiva delle esigenze post sisma tenendo conto degli interventi già previsti, avvalendosi della partnership con l’Università di Camerino, che ha definito una metodologia per lo sviluppo di una ricerca partecipativa di analisi e mappatura dei bisogni, ed ha elaborato un documento di indirizzo strategico “Ritorno al futuro: partecipazione e rinascita, verso un nuovo modello di sviluppo resiliente”, con indicazione, oltre che delle esigenze rilevate, dei criteri adottabili per la valutazione delle azioni prioritarie da intraprendere.

Tra le priorità di intervento rilevate, è emersa con chiarezza l’esigenza di intervenire per la ricostruzione del patrimonio architettonico e artistico, anche al fine di incrementare il turismo e limitare l’abbandono delle aree colpite dal sisma.

Nella riunione del 28 luglio 2017 l’Organo di indirizzo della Fondazione, tenuto conto di quanto emerso dalle indagini sui fabbisogni, ha approvato il documento “Masterplan-obiettivi strategici di contrasto alle conseguenze determinate dal sisma”, dove sono indicati sei obiettivi strategici che la Fondazione deve perseguire, di seguito descritti.

In particolare, l’obiettivo 3 del Masterplan pone alla Fondazione l’obbligo di sostenere il patrimonio architettonico ed artistico attraverso il recupero degli edifici storici fortemente legati all’identità ed alla storia della comunità anche quale veicolo di promozione turistica.

Per raggiungere tale obiettivo la Fondazione ha deciso di individuare beni culturali ed architettonici particolarmente significativi per il loro valore e per la riconoscibilità in termini di importanza e legame con la storia e le tradizioni del nostro territorio al fine di procedere direttamente al loro recupero ed alla loro valorizzazione.

Nell’ambito del recupero dei beni culturali e architettonici, l’Organo di indirizzo ha anche espresso l’auspicio di un intervento sul Duomo di Ascoli dove è presente un problema di deterioramento degli affreschi, atteso che la Cattedrale di Ascoli è un bene non solo della Diocesi e della città ma di tutto un territorio, anche per l’alto valore simbolico della presenza di Sant’Emidio.

Il Consiglio di amministrazione della Fondazione ha pertanto deciso di realizzare, in sinergia con la Diocesi Di Ascoli Piceno, il progetto Restauro e salvaguardia degli impianti pittorici della cattedrale, rendendo disponibile un importo di 400 mila euro.

Il progetto è stato presentato dal Presidente della Fondazione, Angelo Davide Galeati, insieme al Vescovo della Diocesi di Ascoli Giovanni D’Ercole e al parroco della Cattedrale, don Angelo Ciancotti.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 91 volte, 1 oggi)