ASCOLI PICENO – Non è andata come speravamo. Resta l’esperienza accumulata nella prima gara di Moto2 e ancora tanto lavoro da fare. Romano Fenati parte bene dalla seconda fila, si posiziona quarto ma fatica a tenere il passo, sentendo scivolare la gomma da subito. Scivola anche lui nelle retrovie e conclude la corsa al ventiquattresimo posto. Anche Arbolino non va oltre il Il giovane di Grabagnate deve ritrovare il feeling con la sua Honda.

Romano Fenati: “Partire dalla seconda fila, all’esordio in Moto2, era per me un’emozione grandissima. Sono partito bene, uscendo quarto dalla prima curva, ma ho sentito subito scivolare il posteriore e ho perso immediatamente posizioni. Non c’era nulla da fare, scivolava da tutte le parti. Sono deluso e amareggiato perché i tempi fatti ieri e l’altro ieri erano alla mia portata e non li ho fatti in gara. Tutto serve, l’importante è ripartire e noi lo faremo dall’Argentina”.

Tony Arbolino: “Speravo in una prima gara migliore, ma dopo le qualifiche di ieri sapevo che sarebbe stata dura. Non ero al top, in questo weekend, come lo sono stato nei test invernali. So di poter stare davanti e ripartiamo da questa consapevolezza. Lavoreremo fin da subito con il team e con Honda per risolvere i problemi avuti in questo week end e faremo meglio in Argentina”.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 128 volte, 1 oggi)