ASCOLI PICENO – “E’ la produzione agroalimentare a trainare la crescita dell’industria con un balzo record del 7,5% a gennaio rispetto allo stesso mese dello scorso anno”.

E’ quanto afferma Coldiretti in riferimento ai dati dell’Istat sulla produzione industriale nel mese di gennaio in crescita del 4% su base annuale.

“L’alimentare – sottolinea la Coldiretti – è uno speciale indicatore dello stato dell’economia nazionale poiché si tratta della principale voce del budget delle famiglie dopo l’abitazione con un importo complessivo di 215 miliardi”. Il risultato positivo è sostenuto dall’aumento della spesa alimentare degli italiani che nel 2017 è tornata ad aumentare del 3,2% dopo cinque anni di segno negativo secondo elaborazioni Coldiretti sulle rilevazioni Ismea Nielsen.

Un risultato che – sostiene la Coldiretti – non deve essere vanificato dall’ aumento dell’Iva che colpirebbe anche beni di prima necessità come carne, pesce, yogurt, uova, riso, miele e zucchero con aliquota al 10 per cento e vino e birra con aliquota al 22% con effetti drammatici sui redditi delle famiglie più bisognose. Si tratta – conclude la Coldiretti – di una conferma della necessità di inserite fin dal prossimo Def norme di sterilizzazione delle clausole di salvaguardia dell’Iva”.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 33 volte, 1 oggi)