VENAROTTA – Il Comune di Venarotta ha aderito il 13 marzo scorso alla rete dei Comuni a Rifiuti zero: è il terzo comune della Provincia di Ascoli Piceno che aderisce alla strategia di Rossano Ercolini, volta a tutelare l’ambiente attraverso la riduzione dei rifiuti indifferenziati destinati allo smaltimento in discarica o all’incenerimento e ad aumentare la raccolta differenziata, recuperando i materiali dal cassonetto, miniera urbana piena di risorse riutilizzabili.

L’aumento dei rifiuti non è un dato immodificabile, ma solo un fattore che può essere governato con il coraggio di una politica che guarda alla sostenibilità e alla necessità di scelte concrete per un futuro possibile. L’obiettivo è realizzare un’alternativa economica all’inquinamento del sistema tradizionale, incoraggiare la riprogettazione del ciclo di vita delle risorse per il reinserimento nella filiera produttiva, in linea con l’economia circolare.

Con l’adesione alla Strategia rifiuti zero il Comune di Venarotta intende avviare una prima fase importante di potenziamento del proprio servizio nel settore dei rifiuti, con i seguenti obiettivi:

aprire un Eco-sportello, come punto di incontro tra amministrazione e cittadini, dove è possibile chiedere informazioni sul servizio di raccolta, consultare i propri dati utente relativi alla tracciabilità dei rifiuti, attivare o chiudere i servizi, fare segnalazioni, dare voce ai cittadini che vorranno partecipare alle attività messe in campo dall’Amministrazione;

– fare campagne di sensibilizzazione sul tema dei rifiuti e della corretta gestione delle risorse;

– verificare le problematiche presenti sul territorio e individuare soluzioni condivise coni cittadini;

– progettare attività innovative e migliorative  per tutti i temi legati all’ambiente e all’ecologia;

– organizzare progetti scolastici di sensibilizzazione, a partire dalle giornate ecologiche;

– promuovere eco-feste, eco-sagre e eventi a ridotto impatto ambientale;

– sostenere la riduzione dell’uso delle plastiche in ambito alimentare, anche favorendo politiche di consumo di acqua del rubinetto e riduzione di imballaggi in plastica a favore di quelli riciclabili;

– introdurre sistemi di tariffazione che facciano pagare i cittadini sulla base della produzione effettiva di rifiuti non riciclabili da raccogliere.

Questi obiettivi sono in linea con il percorso intraprese dall’Amministrazione comunale, che già da diversi anni si è impegnata in azioni di miglioramento e potenziamento della raccolta differenziata, sensibilizzazione della popolazione, formazione nelle scuole, promozione di giornate ecologiche.

La delibera prevede anche l’istituzione di un Osservatorio per monitorare il percorso verso rifiuti zero, composto da rappresentanti dell’Amministrazione, dal gestore dei rifiuti Picenambiente, dalle associazioni di volontariato del territorio, dal sindaco del consiglio comunale dei ragazzi.

Partecipare all’Osservatorio consentirà ai ragazzi di lavorare con l’Amministrazione per vedere come si realizza un progetto, individuare criticità e soluzioni,  e collaborare al percorso verso Rifiuti zero in prima persona

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 54 volte, 1 oggi)