ASCOLI PICENO – “Questa notte ci ha lasciato un grande amico prima ancora che un professionista esemplare. Antonio M. Orazi è stato un uomo raro, di una gentilezza e una cultura enormi, sempre disponibile e dedito al lavoro in maniera instancabile”. Parole del presidente nazionale di Conflavoro PMI, Roberto Capobianco, che ricorda Antonio M. Orazi a poche ore dalla sua scomparsa improvvisa.

 “Un sindacalista d’impresa con oltre 40 anni di esperienza nel campo associativo, un mestiere che svolgeva con passione vera, un mestiere che a lui deve molto. Un professionista di altri tempi che, senza alcuna superbia nonostante la lunga carriera alle spalle, decise di collaborare con Conflavoro PMI quando la nostra associazione datoriale era ancora molto giovane e alle prime armi. Ne​ è diventato immediatamente una colonna portante – sottolinea Roberto Capobianco – e i suoi insegnamenti non smetteranno di accompagnarci. Ricordo che abbracciò fin da subito il nostro modo di stare vicino alle imprese. Era entusiasta di essersi rimesso in gioco e di contribuire a un modello di associazionismo nuovo in cui si trovava perfettamente a suo agio. Eppure, dopo aver raggiunto le più grandi soddisfazioni lavorative, avrebbe potuto godersi il meritato riposo. E invece no. Perché Antonio Orazi è stato anche e soprattutto un infaticabile uomo che aveva sempre bisogno di stare in movimento, alla perenne ricerca di stimoli nuovi”.

“La sua scomparsa mi lascia un vuoto che non riesco a esprimere a parole, è un’enorme perdita umana e professionale. Io personalmente e tutta Conflavoro PMI  – conclude Roberto Capobianco – lo ricorderemo soprattutto come un signore distinto e pieno di umiltà, sempre in compagnia della sua inseparabile cagnolina Lilli. Un amico che forse non sorrideva spesso, ma quando lo faceva era in grado di trasmetterti un’energia e un senso di tranquillità speciali. Grazie di tutto, Antonio, ci mancherai moltissimo”.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 68 volte, 1 oggi)