ANCONA – “La direzione generale Asur ha appreso da fonti giornalistiche di un’indagine della Guardia di Finanza relativa alle procedure di stabilizzazione, cioè di assunzione di personale precario” dopo la notizia di 53 dirigenti della Regione denunciati dalla Gdf arriva la reazione dei vertici dell’azienda sanitaria regionale. A parlare è il direttore generale, Alessandro Marini, che ha dichiarato: “Dalle prime informazioni sembra che l’indagine riguardi fatti risalenti a circa 10 anni fa ed attenga al controllo della regolarità delle assunzioni di alcune centinaia di unità di personale” commenta il dirigente che poi prosegue nello specifico:  “i percorsi di stabilizzazione disciplinati da normativa nazionale richiedevano specifici requisiti ed il rispetto di apposita procedura”. Sulle indagini: “l’amministrazione  si dichiara sin da ora a disposizione per qualsiasi chiarimento necessario all’ autorità inquirente e, non appena a conoscenza dei fatti specifici oggetto di indagine, avrà cura di attivare una autonoma verifica amministrativa.”

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 437 volte, 1 oggi)