ASCOLI PICENO – Lo scorso anno nelle Marche si sono verificati quasi 19 mila infortuni sul lavoro denunciati di cui 33 mortali e nei primi tre mesi di quest’anno sono morti altri quattro lavoratori. A denunciare una nuova crescita degli infortuni sul lavoro anche nella regione sono le segreterie regionali di Cgil Cisl e Uil. ‘La salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro’ è il tema della manifestazione nazionale dei sindacati che si terrà domani, primo maggio, a Prato per il Primo Maggio.

Nelle Marche, scrivono Cgil Cisl e Uil, i dati “sono allarmanti e inaccettabili: interrogano tutti, sindacati, imprese e istituzioni perché tutti devono rare la propria parte per affermare la cultura della sicurezza, della prevenzione e della qualità del lavoro”. Servono “un rinnovato impegno di tutti i soggetti in campo e un investimento maggiore in termini di prevenzione e controlli, a partire da quelli del servizio prevenzione dell’Asur che deve essere potenziato al più presto, incrementando adeguatamente le risorse a esso destinate.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 69 volte, 1 oggi)