ASCOLI PICENO – Alla vigilia del decisivo scontro salvezza che vedrà l’Ascoli affrontare l’Avellino allo stadio “Del Duca” la tensione in casa bianconera è palpabile: “E’ una vigilia di tensione come è normale e logico che sia – afferma Serse Cosmi – Sappiamo cosa ci giochiamo e l’avversario che affronteremo. Con l’Avellino siamo nella stessa situazione così come lo eravamo con l’Entella, entrambe andremo a cercare una vittoria che potrebbe rivelarsi determinante”

Gli irpini sono in ritiro anticipato a Colli del Tronto da ieri giovedì 3 maggio: “Dopo la partita di andata – prosegue il mister bianconero – era impensabile che loro si giocassero il ritorno con gli stessi nostri punti, noi però dobbiamo fare riferimento solo al nostro stato d’animo. Se qualcuno, dai giocatori allo staff, non capisce l’importanza di questa partita non è adatto a stare dove sta, so quello che ci vuole per vincere questo tipo di gare, altra cosa è però metterlo in campo. Playout? Io non voglio andarci, oggi è giusto non parlare troppo ma l’obiettivo play out poteva valere due mesi fa, pensare di non giocarci oggi la salvezza diretta è inconcepibile.”

Nell’Ascoli mancheranno Mengoni e Martinho, oltre a Carpani e Favilli, recuperato invece Bianchi, ad una presenza dalle 300 tra i professionisti: “Quelli di Pinto e Bianchi sono recuperi importanti, l’uscita di Carpani e Martinho ha impoverito il reparto, Tommaso manca da Palermo ed è forse quello che meglio interpreta il ruolo a centrocampo. Qualcosa si cambia sempre ma non impazzisco per il turn over di 5/6 giocatori, magari hai maggiore freschezza ma rischi di mettere insieme giocatori che non sono pronti a livello agonistico”.

Fare troppi calcoli oggi è sbagliato – conclude Cosmi – bisogna stare zitti ed essere rispettosi dell’avversario, bisogna essere umili e dare il massimo per tutti i 95/100 minuti della partita. Sapere che il presidente crede alla salvezza, ci credeva anche quando sembrava impossibile, è importante; lui tutto quello che poteva fare lo ha fatto, adesso la palla passa a noi”.

Sono 25 i convocati: Addae, Agazzi, Baldini, Bianchi, Buzzegoli, Castellano, Clemenza, Cherubin, De Feo, De Santis, D’Urso, Florio, Ganz, Gigliotti, Kanoute, Lanni, Lores Varela, Mignanelli, Mogos, Monachello, Padella, Parlati, Pinto, Rosseti, Venditti.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.